Tecnicamente parlando, un cappello è un qualsiasi tipo di accessorio posizionato sopra la testa. Persone diverse usano cappelli per scopi diversi. Alcuni cappelli sono progettati principalmente per fornire protezione, mentre altri sono solo usati come dichiarazioni di moda o status symbol. Sono disponibili centinaia di stili di cappello diversi, a seconda di cosa si desidera utilizzare.

Tra i primi tipi di cappello è il cappello di paglia a tesa larga, che è stato utilizzato da diversi tipi di persone nel corso dei secoli. Questo tipo di cappello è in realtà molto economico e facile da produrre, utilizzando la paglia molto abbondante come materiale principale. L'ampia disponibilità e il costo economico di questo cappello lo rendono un favorito tra gli agricoltori e gli operatori sul campo fino ad oggi. Molto interessante, anche i socialites preferiscono questo cappello perché protegge la loro carnagione in modo molto efficace contro le scottature solari e altri pericoli derivanti dall'eccessiva esposizione al sole.

Cappello di Paglia Arlington Cowboy natura a Poco Prezzo

Mentre la protezione è davvero uno degli usi principali dei cappelli, ci sono anche molti cappelli usati per scopi estetici e simbolici. Ad esempio, negli antichi tempi romani, gli schiavi appena liberati indossavano il berretto frigio per dimostrare il loro nuovo status sociale. I funzionari religiosi indossavano anche diversi tipi di cappelli che indicavano la loro posizione nella chiesa. Allo stesso modo, alcuni leader politici hanno anche indossato copricapo per mostrare la loro autorità.

Anche i materiali utilizzati per creare cappelli si sono evoluti. Tradizionalmente, la maggior parte dei cappelli erano fatti di paglia, pelle o persino stoffa. Oggi puoi trovare cappelli che utilizzano una varietà di materiali artificiali come la plastica e la pelle sintetica. Anche la forma dei cappelli è cambiata molto, dai semplici copricapi di un tempo ai modelli più sofisticati e decorativi indossati dalle signore della famiglia reale inglese.

Infatti, quando pensiamo a questi cappelli da donna, quello che spesso viene in mente è una combinazione di fiori, nastri e penne disegnati per catturare l'attenzione. Questo è molto lontano dai cappelli originali che le donne indossavano per la prima volta durante il periodo medievale. La maggior parte di questi cappelli erano indumenti scuri e incolori usati solo per nascondere i capelli nel tentativo di promuovere la modestia tra le donne. Francamente, queste donne medievali sarebbero rimaste molto scioccate se avessero saputo che i cappelli sarebbero sembrati alcuni secoli lungo la strada.

Uno dei tipi più popolari di cappelli da donna durante il XVIII e XIX secolo era il cofano. Tuttavia, verso la fine del XIX secolo, le giovani donne iniziarono a considerare i cofani come accessori per le donne anziane, stimolando lo sviluppo di nuovi tipi di cappelli per le giovani generazioni. Queste nuove innovazioni includevano il cappello a pescatore, che era immensamente popolare grazie allo stile sportivo che le giovani donne moderne preferivano. Fu anche durante questo periodo che i grandi ed elaborati cappelli edoardiani divennero popolari, con ornamenti a volte torreggianti più di un piede sopra la sommità della testa.

Durante la prima guerra mondiale, le donne presero a tagliarsi i capelli in stile bob. Al momento giusto, i produttori di cappelli hanno sviluppato un nuovo cappello simile al casco di un soldato, che era perfetto per il bob. Questi erano popolari solo per circa due decenni, dopo di che le donne cominciarono a perdere interesse nel portare i cappelli del tutto. Oggi, i cappelli non sono più un requisito per essere indossati con tutti gli abiti. Di solito i cappelli vengono usati solo oggi per la protezione solare e per alcune occasioni speciali. Tuttavia, con la volatilità delle tendenze dell'outfit, nessuno può davvero dire se i cappelli saranno di nuovo di moda, e che tipo di cappelli saranno sviluppati in futuro.

Link correlati?: Cappelli e Berretti Vendite a Basso Prezzo Per Donna Uomo Bambino

source: https://www.ilborgodifederico.it/